Home page

 
  Time in Jazz 2016  
  Time in Jazz 2015  
  Time in Jazz 2014  
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
 
1. Il calendario
2. Il programma
3. Paolo Fresu: Cookin' jazz
4. Biglietti e abbonamenti
5. Gli sponsor
6. Soggiornare a Berchidda
7. Tabloid
 
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
14-08-2006, 3. Concerto Aperitivo con il Nat Trio  
Ormai divenuto uno degli appuntamenti consueti del Festival, il concerto aperitivo in programma a mezzogiorno del 14 agosto, al Museo del Vino di Berchidda, proporrà quest’anno un insolito ensemble di musicisti, nato tre anni fa durante i seminari jazz di Nuoro. Il Nat Trio, che unisce le sonorità classiche dell’arpa di Marcella Carboni, al basso elettrico di Elisabetta Lacorte e ai sassofoni di Simone Dionigi Pala, presenterà al pubblico di Time in Jazz il suo primo lavoro discografico, che prende il titolo dal nome della formazione.
“La musica del Nat Trio respira colori pastellati e si muove verticalmente (e idealmente) come sulle corde di un’arpa”, scrive Paolo Fresu nella nota di presentazione al cd, “tra le belle composizioni di Simone Pala e Marcella Carboni che pescano nel repertorio dei maestri del jazz (Song from my father di Horace Silver) ed in quello di autori contemporanei italiani (Tonolo, Cipelli, Fresu) ma che lascia anche il giusto spazio all’improvvisazione totale.”
Dei seminari Jazz di Nuoro che hanno visto la nascita del gruppo (o più precisamente il marciapiede di Via Majore, primo palcoscenico per gli incontri dei tre musicisti) il Nat Trio ha colto appieno “l’essenza, la poetica e la filosofia, ridandola in musica con una intimità che sa di casa”, continua Fresu. “Nel loro lavoro si percepisce già dal primo ascolto un piacere ludico nel comporre e nel suonare coralmente e traspare una sensibilità sottile ben espressa dal trasporto con il quale i tre artisti si approcciano all’arte dei suoni con disponibilità e creatività”.
Berchidda sarà dunque una nuova tappa nel cammino del giovane trio di musicisti che, partito dai marciapiedi nuoresi, ha già sostato in importanti palcoscenici come il museo Man di Nuoro, l’Enoteca Italiana di Siena (nel corso del festival Siena Jazz), e a Su Cologone per la rassegna Nuoro Jazz.