Home page

 
  Time in Jazz 2016  
  Time in Jazz 2015  
  Time in Jazz 2014  
 
01. Il calendario
02. Il programma
03. Program & calendar (english)
04. Paolo Fresu "Piedi"
05. Green Jazz
06. Time Out !
07. Le istituzioni che sostengono Time in Jazz
08. Sponsor e partner di Time in Jazz
09. Bookshop & Media partnership
10. Time in Sassari
11. Biglietti e abbonamenti (Tickets & subscriptions)
12. Il tabloid
 
  Time in Jazz 2013  
  Time in Jazz 2012  
  Time in Jazz 2011  
  Time in Jazz 2010  
  Time in Jazz 2009  
  Time in Jazz 2008  
  Time in Jazz 2007  
  Time in Jazz 2006  
  Time in Jazz 2005  
  Time in Jazz 2004  
  Time in Jazz 2003  
  Time in Jazz 2002  
  Time in Jazz 2001  
  Time in Jazz 2000  
  Time in Jazz 1999  
  Time in Jazz 1998  
  Time in Jazz 1997  
  Time in Jazz 1996  
  Time in Jazz 1995  
  Time in Jazz 1994  
  Time in Jazz 1993  
  Time in Jazz 1992  
  Time in Jazz 1991  
  Time in Jazz 1990  
  Time in Jazz 1989  
  Time in Jazz 1988  
 
 
 
 
   
13-08-2014, Marco Tamburini "Three Lower Colours"  

Mercoledì 13 agosto
Telti, Chiesa di Santa Vittoria - ore 11

Marco Tamburini "Three Lower Colours"
“Rosso”

Marco Tamburini – tromba & live electronics
Stefano Onorati – pianoforte,synth, live electronics
Stefano Paolini – batteria & live electronics

Three Lower Colours, ovvero i tre colori di bassa frequenza - il rosso, l'arancione e il giallo - che, fin dall’antico Egitto, nella cromoterapia assumono il significato di naturale equilibrio. Il colore rosso esprime energia, amore, passione e coraggio. L'arancione rappresenta creatività, allegria e ambizione. Il giallo è il colore del sole e rappresenta simbolicamente gioia, felicità e amicizia; viene considerato il più positivo fra i colori perché affine alla luce pura e alla luminosità. Il giallo è il colore che riunisce le persone.
Leader del gruppo è Marco Tamburini, trombettista e compositore versatile ed eclettico, capace di spaziare con disinvoltura dal jazz alla classica al pop. Al suo fianco, l’affiatata coppia ritmica formata dal pianista Stefano Onorati e dal batterista Stefano Paolini.
La vocazione innovativa del trio si riflette innanzitutto in uno spiccato interesse per le sonorità elettroniche e, in secondo luogo, nella scelta di un repertorio particolarmente ricco ed eterogeneo, che alterna alla maggior parte delle composizioni originali, brani di electric jazz, pop internazionale ed etnico. Attingendo a varie suggestioni e lavorando sul duplice piano dell’arrangiamento e dell’improvvisazione, i tre musicisti creano un sound attuale e coinvolgente, sempre sospeso in un territorio di confine tra i generi musicali più esotici.
L'intento del gruppo è quello di esplorare le molteplici possibilità di contaminazione tra linguaggio jazzistico, world music, musica classica e contemporanea sfruttando le immagini e i colori dei suoni e della musica.