Home page

 
  PAV > Progetto Arti Visive  
  PAV 2016  
  PAV 2015  
  PAV 2014  
  PAV 2013  
  PAV 2012  
  PAV 2011  
 
01. Dalla terra al cielo
02. La disciplina della terra
03. Hybrid maps
04. Al di là della terra, il mare
05. Strange Fruits
06. Mineros
07. OpenShow
08. Arte tra le note
 
  PAV 2009  
  PAV 2008  
  PAV 2007  
  PAV 2006  
  PAV 2005  
  PAV 2004  
  PAV 2003  
  PAV 2002  
  PAV 2001  
  PAV 2000  
  PAV 1999  
  PAV 1998  
  PAV 1997  
  Semida  
  Altri progetti  
 
 
 
 
   
07. OpenShow  

 

 

OpenShow...dalla terra al cielo 

 

a cura di Giannella Demuro

 


Fabio Barisani, Pietruccia Bassu, Leonardo Boscani, Gusy Calia, Zaza Calzia, Efisio e Nicola Caredda, Simone Carta, Andrea Casciu, Tonino Casula, Giancarlo Catta, Patrizia Cau, Erik Chevalier, Marcello Cinque, Alberto Colombino, Salvatore Coradduzza, Salvatore Cuccu, Valentina Daga, Chiara Demelio, Paola Dessy, Rita Diana, Nino Dore, E, Roberta Filippelli, Angelino Fiori, Giuseppe Flore, Gavino Ganau, get_0, Vincenzo Grosso, Lalla Lussu, Pierpaolo Luvoni, Antonio Mallus, Tore Manca, Mariella Manconi, Paolo Marchi, Stefano Marongiu, Pinuccia Marras, Claudia Matta, Italo Medda, Silvia Mei, Alessandro Meloni, Meloni di Carta, Fabio Melosu, Narcisa Monni, Nero Project, Nextime, Gianni Nieddu, Efisio Niolu, Nico Orunesu, Igino Panzino, Pastorello, Vincenzo, Pattusi, Bruno Petretto, Paolo Pibi, Gianfranco Pintus, Jessica Piras, Mario Pischedda, Francesco Puggioni, Roberto Puzzu, Rosanna Rossi, Maura Saddi, Fabio Saiu, Giulia Sale, Josephine Sassu, Marcello Scalas, Pinuccio Sciola, Giovanna Secchi, Antonio Secci, Chiara Seghene, Stefano Serusi, Gianfranco Setzu, Giulia Sini, Monica Solinas, Carlo Spiga, Daniela Spoto, Giorgio Urgeghe, Sisinnio Usai


 

A Berchidda da sempre l’arte contemporanea dialoga con la musica e con il pubblico, si pone in relazione con gli spazi e con i luoghi, attraversa dimensioni distinte. Sotto il titolo Lavori in corso sono abitualmente riuniti i progetti artistici che coinvolgono il centro urbano, il paese inteso come luogo abitato. Qui, il ben noto enunciato del cartello che segnala cantieri o interventi di manutenzione, sta a significare una interruzione di senso e delinea una metafora attraverso la quale veicolare il concetto di arte che, interagendo con i luoghi, diventa capace di innescare processi dinamici nella vita della collettività, nella realtà del contesto urbano e sociale.

 

Vero e proprio progetto di arte pubblica, Lavori in corso si propone, quindi, di riscoprire il carattere comunicativo dell’arte e creare un legame sempre nuovo e stimolante tra gli artisti e la comunità locale, tra gli artisti e il pubblico, rapportandosi con il paese, la sua struttura urbanistica e architettonica, il suo tessuto umano e attivando una ridefinizione delle dinamiche sociali e culturali del luogo.

Per questa edizione dedicata al tema della terra, Lavori in corso ha presentato OpenShow….. dalla terra al cielo, un progetto espositivo che vede l’opera d’arte come patrimonio collettivo, e il paese come luogo privilegiato di incontro tra gli artisti e la comunità sociale. Le opere, infatti, forme di grandi dimensioni perlopiù circolari, semplici immagini stampate con tecnica digitale su un modesto supporto plastico, sono entrate nelle case della gente, sono state accolte con curiosità e interesse dagli abitanti del piccolo centro, solitamente non abituati ad un confronto così diretto e ravvicinato con l’arte contemporanea. Affacciate alle finestre e ai terrazzini, poi, hanno  generato una pacifica invasione dello spazio urbano che ha portato il pubblico e i passanti a percepire in termini nuovi il rapporto con lo spazio architettonico del paese e a confrontarsi direttamente con i molteplici linguaggi della sperimentazione visiva.

 

 

Le opere di oltre sessanta artisti, riunite a Berchidda in una sorta di museo all’aperto, infatti, hanno tracciato una mappa significativa seppure non totalmente esaustiva della ricerca visiva della terra Sardegna, uno spaccato rappresentativo delle tendenze artistiche che si sono sviluppate e consolidate nell’Isola in questi ultimi anni: dall’astrazione segnica e geometrica, praticata particolarmente dalle generazioni più mature, alla figurazione declinata perlopiù in chiave fantastica o fumettistica, dalla fotografia all’elaborazione digitale preferita, quest’ultima, soprattutto dagli artisti più giovani.